Questo sito utilizza cookie per fini operativi e statistici, come descritto nella nostra Informativa sui cookie e su tecnologie analoghe. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze, visitare la nosta pagina sull uso dei cookie. Chiudendo questo banner, restando su questa pagina, o cliccando su qualsiasi elemento si acconsente al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di più www.giappichelli.it/cookies

Il Diritto dell’Unione Europea

GIURISPRUDENZA DELL'UNIONE EUROPEA

 

-  La Corte di giustizia annulla la decisione della Commissione relativa alla firma dell’addendum al memorandum d’intesa con la Svizzera

 

- ll periodo di tempo in cui un individuo attinto da un mandato d’arresto europeo è stato soggetto a determinate misure che non hanno un effetto privativo della libertà personale paragonabile all’incarcerazione non può, in linea di principio, essere dedotto

 

- L’operazione di riempimento di una cava mediante rifiuti diversi rispetto a quanto estratto, nel caso in cui tale operazione costituisca un recupero di simili rifiuti,non è soggettata alle prescrizioni imposte dalla normativa UE sulle discariche

 

- Un giudice nazionale può, benché in casi eccezionali, limitare nel tempo taluni effetti della declaratoria d’illegittimità di una norma nazionale adottata in violazione del diritto dell’Unione

 

- La Corte conferma le misure restrittive adottate dell’Unione nei confronti del procuratore generale dello Zimbabwe e di altre 120 persone e società di tale paese per gravi violazioni dei diritti umani

 

- I principii di imparzialità e indipendenza (anche finanziaria) delle autorità nazionali di regolamentazione implicano l’assoggettamento di tali autorità a misure di contenimento della spesa delle amministrazioni pubbliche

 

- Una normativa nazionale che priva il lavoratore che pone fine al proprio rapporto di lavoro di un’indennità finanziaria per ferie annuali retribuite non godute viola il diritto dell’Unione

 

- La Corte si pronuncia sulle condizioni (poste dalla Commissione) per l’erogazione degli aiuti pubblici alle banche in difficoltà

 

- La Corte afferma la competenza del giudice dell’Unione a controllare atti di gestione del personale presso missioni di polizia dell’UE che s’iscrivono in ambito PESC

 

- Secondo l’Avvocato generale Saugmandsgaard Øe, un obbligo generale di conservazione dei dati imposto da uno Stato membro ai fornitori di servizi di comunicazione elettronica è compatibile con il diritto dell’Unione purché rispetti garanzie rigorose

 

- In un procedimento di controllo di aiuti di Stato, deve presumersi la confidenzialità dei documenti amministrativi afferenti allo stesso

 

- È conforme al diritto dell’Unione una normativa nazionale che esclude una magistrata ordinaria, durante il congedo di maternità obbligatorio, dal beneficio di un’indennità aggiuntiva

 

- Concessioni demaniali marittime. Una pronuncia definitiva della Corte di giustizia sulla incompatibilità con il diritto europeo della loro proroga ex lege e quindi senza procedura trasparente di gara

 

- Di nuovo sul velo islamico. Secondo l’Avvocato generale Sharpston, il divieto di portarlo, imposto da un’impresa privata a una propria dipendente, costituisce una discriminazione (diretta) illegittima

 

- Sugli effetti diretti di alcune disposizioni della “direttiva appalti”

 

- A chi dà in affitto spazi di un’area mercatale può essere ingiunto di far cessare le infrazioni in materia di marchio commesse dai commercianti attivi in tali spazi attraverso la vendita di merce contraffatta

 

- Il diritto dell’Unione osta a una normativa nazionale che impone al giudice del rinvio di dichiararsi incompetente in un procedimento per aver esposto, nella domanda di pronuncia pregiudiziale, il contesto fattuale e giuridico relativo al procedimento stesso

 

- Sulla valutazione della proporzionalità di misure nazionali restrittive della libera prestazione di servizi nel settore dei giochi d’azzardo

 

- Il genitore cittadino di uno Stato terzo che ha l’effettivo affidamento di un cittadino dell’Unione minorenne può soggiornare con quest’ultimo nello Stato membro ospitante

 

- La decisione di chiusura di un procedimento penale nei confronti di una persona senza lo svolgimento di un’istruzione approfondita non può essere considerata definitiva ai fini dell’applicazione del principio ne bis in idem

 

- La Corte chiarisce i criteri per determinare il rimborso dovuto ad un passeggero in caso di ‘downgrading’ su un volo

 

- La Corte condanna il Portogallo per il ritardo nell’attuazione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIURISPRUDENZA ITALIANA

 

- Illegittimità dei rinnovi dei contratti a tempo determinato nella scuola: la Corte Costituzionale si pronuncia a seguito della sentenza della Corte di giustizia nel caso Mascolo

 

- Contributi per il permesso di soggiorno: il Tribunale di Milano attua la sentenza della Corte di giustizia che ha dichiarato la contrarietà della normativa italiana al diritto europeo

 

- Esercizio della rivalsa da parte dello Stato per violazioni del diritto dell’Unione che hanno condotto a sentenze di condanna: la Consulta si pronuncia sul ricorso della Regione Campania

 

-  La direttiva europea sulla non discriminazione per ragioni di età e trattenimento in servizio. Una recente sentenza della Corte costituzionale

 

- La Corte Costituzionale si pronuncia sulla legittimità della legge sulla elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia

 

- Rinvio pregiudiziale del Tribunale di Milano sui ricorsi giurisdizionali contro dinieghi di protezione internazionale

 

- Decisione della Commissione europea divenuta inoppugnabile dinanzi agli organi giurisdizionali europei: il Tribunale di Enna chiede alla Corte costituzionale di pronunciarsi in merito alla legittimità costituzionale della legge di esecuzione del TFUE

 

- Rinvio pregiudiziale del Consiglio di Stato alla Corte di giustizia nell’ambito del contenzioso tra AGCM e Roche/Novartis relativo all’accertamento di un accordo anticompetitivo tra le due società volto ad ottenere una “differenziazione” artificiosa dei farmaci Avastin e Lucentis

 

 

 

 

 

 


 

Logo_Colori.gif

Area Riservata


   Rivista fondata da Alberto Predieri e Antonio Tizzano

Direttore: Antonio Tizzano

 

Comitato Scientifico:

Ricardo Alonso García, Sergio Maria Carbone, 
Giorgio Gaja, Francis Jacobs, Jean-Paul Jacqué, 
Koen Lenaerts, Riccardo Luzzatto, Paolo Mengozzi,

Miguel Poiares Maduro, Joël Rideau, 
Vassilios Skouris, Giuseppe Tesauro, 
Christiaan Timmermans, Thomas Von Danwitz

 

 

Comitato di Redazione:

Roberto Adam, Roberto Baratta, Enzo Cannizzaro,

Massimo Condinanzi, Luigi Daniele, Filippo Donati,

Roberto Mastroianni, Giuseppe Morbidelli,

Francesco Munari, Bruno Nascimbene,

Luca Radicati di Brozolo, Lucia Serena Rossi

 

Coordinamento della Redazione:

Susanna Fortunato 

Collaborano al Sito:

Michela Angeli (Autorità garante della concorrenza e del mercato);

Fabrizio Barzanti (Corte di giustizia); Flaminia Cotone (Scuola Nazionale dell’Amministrazione); Giulia D'Agnone (Scuola Nazionale dell’Amministrazione); Piero De Luca (Corte di giustizia);

Lorella Di Giambattista (Senato della Repubblica); Carlo Forte (Scuola Nazionale dell’Amministrazione); Paolo Iannuccelli (Corte di giustizia); Luigi Marchegiani (Dipartimento per le politiche europee – Presidenza del Consiglio dei ministri); Cecilia Odone (CINSEDO); Massimiliano Puglia (Corte di giustizia). 

 

 

 

La Rivista pubblica articoli attinenti direttamente o indirettamente ai profili giuridico-istituzionali del processo d’integrazione europea.

Gli articoli, redatti in italiano, francese, inglese o spagnolo, devono essere originali e inediti. La loro pubblicazione è subordinata ad una rigorosa selezione qualitativa. A tal fine, i contributi vengono valutati, senza indicazione del nome dell’autore o altri riferimenti che ne consentano l’identificazione, da qualificati studiosi della materia, anche esterni alla redazione della Rivista. I revisori potranno indicare le modifiche ed integrazioni che giudicano necessarie; in questo caso, la pubblicazione dell’articolo sarà subordinata al rispetto di tali indicazioni da parte dell’autore.

L’accettazione del contributo impegna l’Autore a non pubblicarlo altrove nella sua interezza o in singole parti, se non previo consenso scritto della direzione della Rivista e alle condizioni da essa stabilite.

I contributi inviati per la pubblicazione nella sezione Osservatorio europeo del Sito, che è destinata a ospitare, con aggiornamento continuo, commenti brevi o note a prima lettura, aventi a oggetto in linea di principio sentenze o materiali pubblicati nella sezione Novità di prassi e giurisprudenza, non devono superare i 30.000 caratteri (spazi inclusi).

Anche per i contributi destinati alla sezione Osservatorio europeo  del Sito è prevista la revisione nei termini precedentemente indicati.

Le norme redazionali cui devono attenersi i contributi destinati alla Rivista o alla sezione Osservatorio europeo del Sito sono pubblicate nella sezione La Rivista.

Gli articoli devono essere inviati tramite posta elettronica all’indirizzo mail della redazione (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). 

 

 


 

 

 

G. GIAPPICHELLI EDITORE s.r.l. 

  Via Po 21 • 10124 Torino • www.giappichelli.it


ISSN 2465-2474 • Il Diritto dell’Unione Europea (Online)  

   Iscrizione al R.O.C. n. 25223